Attenzione ai "colloqui di lavoro" trappola

Quando un colloquio di lavoro si rivela in realtà un costoso corso a pagamento ... Su "IL PICCOLO" del 20 aprile 2018 l'intervento di Adoc Trieste a difesa dei giovani che incappano in pratiche commerciali sconvenienti. Attenzione.


Aggiornamento della Strategia Energetica Nazionale                           Nota delle Associazioni Consumatori Adiconsum, Adoc, Federconsumatori, Lega Consumatori e Unione Nazionale Consumatori

 

Principali aspetti da sottolineare

 

  • Criticità relative al superamento del Mercato Tutelato per i clienti domestici

  • Trasparenza nel mercato libero dei clienti domestici: ampliare le azioni di contrasto

  • Aumentare la vigilanza e gli strumenti di intervento sul mercato elettrico all’ingrosso

  • Sviluppo del vettore elettrico nelle case e ammodernamento della rete elettrica di distribuzione

  • Italia: hub europeo del gas metano

  • Il mercato all’ingrosso del gas in Italia

 

Download
1.6.2018: LE NOVITA' PER GLI UTENTI DEL MERCATO DELL'ENERGIA
Aggiornamento della Strategia Energetica
Documento Adobe Acrobat 488.2 KB

La Conciliazione Paritetica è un metodo di risoluzione stragiudiziale delle controversie che permette di trovare soluzioni tra consumatori e aziende in maniera rapida, semplice ed economica

Essa si basa su protocolli sottoscritti tra le associazioni dei consumatori e la singola azienda (o associazione di categoria) che stabiliscono le regole cui le parti devono attenersi per risolvere le singole controversie. La Commissione di Conciliazione è composta, pariteticamente, da due conciliatori adeguatamente formati, uno in rappresentanza dell’azienda e l’altro indicato dall’associazione dei consumatori prescelta dall’utente oppure assegnato secondo un criterio turnario.
La procedura di conciliazione è su base volontaria: l’accordo raggiunto dalle parti viene sottoposto al consumatore il quale è libero di accettare la soluzione proposta o di rivolgersi alla giustizia ordinaria.
Per avviare la procedura di conciliazione è necessario, innanzitutto, che il consumatore presenti un reclamo all’azienda; se questa non fornisce alcuna risposta entro i termini previsti dalla relativa Carta dei Servizi o se la stessa ha inviato una risposta ritenuta insoddisfacente dal cliente, si può attivare la procedura di conciliazione che si chiude entro un termine prestabilito, generalmente entro 30/45 giorni.

  • La procedura è gratuita per il consumatore, semplice e attivabile attraverso la compilazione della relativa domanda

  • Tempi brevi per lo svolgimento della procedura

  • Trasparenza e informazione riguardo lo svolgimento della procedura

  • Il consumatore è libero in ogni momento di ritirarsi dalla procedura di conciliazione

  • E’ libero di poter accettare o meno la proposta conciliativa formulata dalla Commissione senza alcuna conseguenza negativa.

    Ogni argomentazione, informazione o proposta relativa alla controversia fornita all’associazione che lo rappresenta è coperta dalla riservatezza

  • Il verbale ha efficacia di accordo transattivo ai sensi dell’art. 1965 codice civile


GIUGNO 2016: PROBLEMI DELLA TELEFONIA MOBILE IN ROAMING A TRIESTE. SU "IL PICCOLO" IL NOSTRO INTERVENTO.